Home
Steve Wynn Live - Giardino Di Lugagnano 20.03.2015 PDF Stampa E-mail
Scritto da Andrea Pasqualini   
Venerdì 27 Marzo 2015 10:02

...ovvero : l'Idolo della porta accanto!!

 

wynn n04Orrddduuunque, cosa rende speciale un concerto?

La scenografia? Le luci? La strumentazione sofisticata? La tecnica dei musicisti? Il nome  famoso della band e il relativo successo in classifica?

Chi pensasse tutto ciò, ieri sera non si sarebbe divertito per niente anzi, avrebbe forse un po' snobbato  e classificato come "banale" una serata ed una esibizione davvero emozionanti!!

Steve Wynn, classe millenovecentosessanta, leader/frontman/songwriter di una band(i Dream Syndicate) che nei venefici anni '80 ha portato una ventata di sano rock chitarristico alternativo nel panorama tronfio e gonfio di sintetizzatori e tastieroni "à la Jump dei Van Halen",stasera non è nemmeno "a un metro da noi", no... è proprio qui con noi!

Chi sia  e cosa abbia fatto l'abbiamo già detto qualche anno fa, quando era venuto al  Giardino di Lugagnano (un vero e proprio "covo" di appassionati gestito in maniera simpatica!) "armato" della sua splendida Guild a proporci un set acustico voce/chitarra davvero ammaliante .

Già allora ci era apparso un personaggio anomalo per la grande gentilezza dimostrata a tutti, nel firmare autografi,  fare foto ed intrattenersi a chiacchiere in maniera spontanea.

Ieri sera si è confermato tutto quanto e molto di più!!

Imbracciata la Gibson elettrica, Wynn ha suonato  e cantato  un'ora e trequarti per noi e in mezzo a noi!

La partecipazione e la simpatìa sono state il filo conduttore durante il concerto e anche dopo.

Steve ha riproposto in chiave elettrica e da solo i pezzi che hanno reso grandi lui e i Dream Syndicate per buona parte della serata , intervallati da altri estratti dagli album solo, con due omaggi : "Coney Island Baby" di Lou Reed e "Stage Fright" di Robbie Robertson....giusto per farci capire da dove viene la sua linfa!

E' rockaccione bello smanetttato : voce nuda e cruda, chitarra elettrica scarna sostenuta da un booster e qualche compressore, ballate dolcissime (su tutte l'incantevole" Merrittville" e la più vivace "Carolyn") alternate a brani più tirati, dal classico "The days of Wine and Roses" a "Burn", passando per "Boston" e "Forest for the Trees.
Pochi mezzi, tanta esperienza, soprattutto tanto cuore!

wynn n01   wynn n02   wynn n03

La lezione younghiana la senti nella progressione degli accordi di tante sue canzoni, la Gibson  cammina quasi con le proprie gambe, il suo suonare è asciutto, le corde lasciate andare e percosse il giusto... tutto il contrario di noi strimpellanti da parrocchia! 
Nelle sue corde c'è Lou Reed quando suona "When You Smile", ma senza forzature anzi.
Le canzoni hanno una personalità ben definita, una sorta di "marchio di fabbrica" come pure la  voce, un po' nasale ma non troppo dylaniana.
L'ampli è piccolino, ma non servono mastodonti.

wynn n05   wynn n06   wynn n07

La gente applaude contenta e,  quando il Nostro se ne va per un presunto break che spezza sempre il feeling, lo rivuole subito sul palco!

Lui torna e riprende, abbandonando il microfono per accontentare lì davanti tutte le richieste che gli vengono fatte!!

Un grande: dispensa sorrisi e ringraziamenti, lascia cantare chi le sa e battere le mani tutti quanti...

wynn n10   wynn n12   wynn n13

... parte in questi momenti "quel qualcosa in più" che differenzia l'Artista Totale dall'artista cafone, il Musicista umano coi piedi per terra dal musicista costruito, l'Artigiano di canzoni (ne ha scritte oltre trecento!)che con sei corde in mano tiene banco e ipnotizza la gente dall' "interprete di se stesso", ennesima inutile maschera della quale siamo stufi e non sentiamo il bisogno!!

wynn n14   wynn n15   wynn a1

Steve Wynn è il Professionista che, dopo aver dato prova della sua innegabile bravura, ti stringe la mano, ti firma gli autografi, ti disegna la sua personalissima copertina del CD (con dedica speciale!!), si fa la foto con te... e tutto questo solo per il piacere di farlo, senza obblighi nè costrizioni!

E' quello che si ferma a parlare,  ti ringrazia se gli dici "Well, Steve, tonight very powerful!", e lo fa ripetutamente come con la Raffa quando gli ha lasciato il cd dei Zonasismica!

wynn a2   wynn a3

Insomma, proprio l'idolo a portata di mano!

Galante, pure: quando la Zia Raffa gli dice: "You are my Birthday Gift", le fa gli auguri con un baciamano....

... della serie: la cavalleria non è mai morta!

 

Articolo di Andrea Pasqualini

Foto di Nicola Lonardi (prime 12) e Andrea Pasqualini (ultime 3)

 

 

Comments:

Ultimo aggiornamento Venerdì 27 Marzo 2015 23:41
 
Sito creato e gestito da Franco Massalongo - Contattami ::: Sito ottimizzato per essere visualizzato con Firefox
Slideshow is powered by phatfusion ::: Design by Next Level Design / Script by Joomla!