thewho00

Per l'ultima tappa europea (a ottobre faranno alcune date in America e poi riprenderanno il 30 marzo alla Royal Albert Hall con alcune date inglesi) del loro “51! Tour” gli Who tornano, dopo 49 anni,a Milano.

Preceduti dalle ottime recensioni del concerto tenuto 2 giorni prima (sabato 19 settembre) a Bologna, al Forum di Assago si respira l'aria del grande concerto già da quando, verso le 20, salgono sul palco gli ottimi “Slydigs”, che per una mezz'ora abbondante tengono il palco con buona energia, dimostrando di aver imparato la lezione degli Oasis e degli Stones molto, ma molto bene (e, infatti, al termine del loro set gli applausi arrivano pieni e convinti).

In attesa di Pete e Roger (sì, certo, anche degli altri, ma insomma è soprattutto per loro due che siamo tutti qui) sugli schermi scorrono immagini e descrizioni della carriera degli Who, poi alle 20.45 il megaschermo si fa tutto nero e appare una grande scritta bianca (in italiano): “Restate Calmi, arrivano GLI WHO”.

E in effetti gli Who non solo arrivano, ma addirittura escono con ben 10 minuti di anticipo sull'orario teorico di inizio (cosa mai successa, a memoria dello scrivente, che “qualche” concerto l'ha anche visto…).

thewho01

Daltrey saluta, Townshend saluta in italiano (vabbè, ci ha provato, diciamo), alla batteria si accomoda Zac Starkey (che dal 1996 ha suonato in tutte le tournée)  mentre al basso c'è (come sempre dal 2002, ovvero dalla morte di John Entwistle, in poi) il “nostro” Pino Palladino.

Insieme a loro salgono sul palco il fratello di Pete, Simon Townshend, (alla chitarra e cori), John Corey, Loren Gold e Frank Simes (tastiere e cori).

Pronti via e si comincia, con il primo dei molti mulinelli di  Townshend (ovviamente tutti sottolineati dall'entusiasmo del pubblico) e con Daltrey che lancia il microfono poi riprendendolo al volo, sua mossa tipica.

Basta dare un'occhiata alla scaletta  della serata (in fondo all'articolo) per vedere che si è trattato (e per fortuna!) di una sorta di greatest hits suonato dal vivo, con l'intensità che cresceva di pezzo in L'apertura spetta a  "Can't Explain" e mentre i pezzi si susseguono come fucilate, prima di  “I Can See Miles” Townshend ricorda al pubblico che: «questo brano è del 1966… e nessuno di voi ancora esisteva! [none of you existed!].

thewho02   thewho03

Come sesto pezzo è la volta di "My Generation",e scatta il boato. Peraltro così come già avvenuto per i primi pezzi il finale della canzone diventa una sorta di jam session strumentale, che fa apprezzare appieno che macchina da musica siano dal vivo gli Who.

Anche prima di far tirare il fiato al pubblico con “Behind Blue Eyes”, Pete ripete il giochino del “ none of you existed!”

Dopo la poderosa “You Better You Bet” si apre la seconda metà dello spettacolo, dedicata alle due opere più famose, ovverosia “Quadrophenia” e “Tommy”.

thewho04   thewho05

Quattro sono i pezzi da “Quadrophenia” di cui l'ultimo è una meravigliosa interpretazione vocale di Roger in "Love Reign O'er Me", al cui termine si assiste ad una vera e propria standing ovation (anche da parte di chi scrive).

A proposito della voce di Daltrey, va detto che ha tenuto e meravigliosamente bene per tutto il concerto, e come è noto agli appassionati, non è cosa scontata.

Cinque sono invece i pezzi tratti da “Tommy”, ovvero  “Amazing Journe”, “Sparks”, “The Acid Queen”, “Pinball Wizard”, “See Me, Feel Me” che portano dritti alla conclusione con la magnifica doppietta “Baba O'Riley” e “Won't Get Fooled Again”, cantata dai 12000 del forum.

Dopo quasi due ore, nessun bis, ma solo lo spazio per un lunghissimo applauso, che questi arzilli vecchietti hanno davvero meritato!

Per chi c'era, e per chi non c'era, sul sito degli Who è disponibile a pagamento il download dell'intero concerto (chi l'ha già ascoltato parla di una qualità buona, da soundboard).
E comunque, peccato per chi non c'era!

Articolo e foto di copertina di Renato Savoia

Foto lungo l'articolo di Sebastiano Bacco (concerto di Bologna 17/09/2016)

Scaletta:
1. Can't Explain / 2. The Seeker / 3. Who Are You / 4. The Kids Are Alright / 5. I Can Se For Miles / 6. My Generation / 7. Behind Blue Eyes / 8. Bargain / 9. Join Together / 10. You Better You Bet / 11. 5-15 / 12. I'm One / 13. The Rock / 14. Love Reign O'er Me / 15. Amazing Journey - Sparks / 16. Acid Queen - Pinball Wizard - See Me Feel Me / 17. Baba O'Riley / 18. Won't Get Fooled Again